« Welcome back AutoCAD,… | Home | iCERi 2010 »

Corri come il vento, Bullseye!

Scritto da simon.
Venerdì 27 Agosto 2010, 11:04 am.

 

Commentare i lungometraggi Pixar ad ogni loro uscita, come feci a suo tempo per Ratatouille, per Cars (Motori ruggenti) e più recentemente per Up!, è oramai una mia consuetudine. Anche se con molto ritardo rispetto all'uscita nelle sale italiane, ho potuto gustare finalmente Toy Story 3 - La grande fuga, grazie a Luisa.

Toy Story 3
 

Toy Story - Il mondo dei giocattoli, primo episodio della trilogia, venne proiettato in anteprima mondiale il 19 novembre 1995 a Los Angeles, segnando l'inizio di uno sviluppo tecnico, tecnologico e narrativo che ha portato la Pixar di John Lasseter all'eccellenza. Confrontarsi con questo precedente è stata una decisione coraggiosa che ha condotto ad un nuovo incredibile successo.

Da autentico fanatico, non mi è possibile neppure stavolta abbandonare i toni ditirambici dei miei passati interventi, dal momento che essendo Toy Story la bandiera Pixar, la cura per questa pellicola è stata maniacale (finalmente tornate le scenette nei titoli di coda!), con una sceneggiatura di gran lunga migliore dei seppur notevoli lavori degli ultimi anni.

 

Toy Story 3

Tecnica, tecnologia e plot narrativo si è detto: in tutti questi aspetti Toy Story 3 mostra la spirale di sviluppo percorsa dalla casa di Emeryville. Per la prima si possono apprezzare le vette raggiunte da RenderMan nella gestione dell'illuminazione globale, che sfrutta in questo lavoro tutta l'esperienza mutuata dai fondali complessi di "Wall-E", migliorandola ulteriormente.
E' la filosofia Pixar. E' la filosofia delle sfide da raccogliere per migliorarsi. In "Finding Nemo" la sfida era ambientare credibilmente scene subacquee illuminandole con naturalezza, in "Monsters & Co." è stata quella di generare i movimenti dei simpatici mostriciattoli pelosi, in "Cars - Motori ruggenti" quella di animare 300.000 automobiline urlanti in uno stadio. Poi c'è stato "Up" dove l'impegno è stato quello di animare con una fisica corretta migliaia di palloncini pieni di elio.
Toy Story 3 è la sintesi di tutto questo, un concentrato di sfide vinte, anche grazie ad uno sviluppo appassionante del software Marionette. Nè è l'esempio tecnico la soluzione trovata per l'enorme sforzo di calcolo necessario per la scena della discarica: migliaia e migliaia di pezzetti di rifiuti che navigano verso l'inceneritore. Il trionfo dell'animazione procedurale (non era possibile animare tutto "a mano"!) raggiunta ha permesso di realizzare riprese dove la pregevolezza di RenderMan imita alla perfezione gli effetti di camera di una cinepresa vera, mentre si possono apprezzare i dettagli di ogni singolo frammento in scena.
La tecnologia dietro Toy Story è motorizzata ancora Intel, per le svariate cpu necessarie al calcolo di rendering. Poche parole invece per la resa 3D ottenuta con i famosi occhialini al cinema. Dopo Avatar la moda è esplosa e la stereoscopia è tornata in voga, anche per Pixar. Posso solamente dire che questo approccio modaiolo funziona quando è parte della narrazione (come nel caso del corto "Day and Night" presentato proprio insieme a Toy Story 3), per il resto questo lungometraggio sarebbe un capolavoro anche "piatto" (ho avuto la fortuna di ricevere in sala occhialini polarizzanti attivi però!).

Toy Story 3

Ma è nella narrazione che Pixar si è davvero superata: "The whole deal with our films, from our point of view, is that we want you to be enveloped in the emotion and the storytelling and not think about the effects," dice Darla Anderson, produttrice di Toy Story 3. "We hope that you notice [gli effetti speciali] maybe the fifth time you watch it...but most of the time we just want to entertain you and envelope you".
Senza rivelare troppo della trama, posso solo riportare che i passaggi dagli esilaranti toni comici (Ken & Barbie sono geniali!) al melodramma (difficile non commuoversi sul finale) e di nuovo alla parodia, sono realmente magistrali. Non si può non essere d'accordo con Paolo Mereghetti, che sulle pagine del Corriere scrive "un fuoco d'artificio di trovate e di colpi di scena che passano dalla commedia al dramma fino al melodramma, capaci di bruciare in pochi sequenze materiali per almeno un'altra dozzina di film. (...) C'è la capacità di passare da un cinema d'invenzione a uno di emozione a un'altro ancora di riflessione senza perdere mai di vista il piacere dell'avventura e della sorpresa".

Grazie Pixar!

 

Nessun commento



(optional field)
(optional field)

In questo sito si attua la moderazione dei commenti. Questo significa che il tuo commento non è visibile finché non viene approvato da un moderatore.

Mantenere le informazioni personali?
Nota: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire collegamenti semplicemente scrivendo un URL o un indirizzo e-mail.

Info

Dal 2004 questo piccolo angolo di rete raccoglie gli interessi di ricerca e i lavori di sperimentazione digitale di Simone Garagnani in materia di cultura geek, ma soprattutto di Building Information Modeling, rilievi digitali ad alta risoluzione e computer graphics legata al mondo dell'architettura, dell'ingegneria e delle costruzioni. TC Project, è presente anche sul social network Facebook.

 

Welcome to these pages that host since 2004 Simone Garagnani's personal blog, a collection of nerd notes and geek experiences focused sometimes on Building Information Modeling, terrestrial laser scanning, digital photogrammetry and computer graphics applied to the AEC world. The TC Project is also available on Facebook.


Segui le attività in TC Project: Registrazione
Follow TC Project activities: Registration/login

GreenSpider

GreenSpider

GreenSpider plug-in for Autodesk Revit

Free download here (latest release)

Cerca!

Categorie

  • English (21)
  • Italiano (4)
  • Ingegneria (9)
  • Architettura (13)
  • Design (0)
  • Ricerca e sviluppo (28)
  • Eventi (24)
  • Pubblicazioni (8)
  • Materiali didattici (6)
  • GreenSpider (10)
  • Berkeley (15)
  • Pixar (4)
  • Retrocomputing (3)
  • SGI (5)
  • Keio (3)
  • Serious fun (6)
  • Archivi

    Ultimi commenti

    MojaMonkey (SGI VW540 @ TC La…): Hi Simon? This is a long shot but I was wondering if you have a copy of the SGI drivers required to…
    Walter (Cray-1 - The home…): Could I get a copy of the plans (in English)?
    Simone (GreenSpider - Gra…): Hello Renè, GreenSpider is still a prototype and its development has stopped since the last update la…
    René Scarpa (GreenSpider - Gra…): Hi Simone I’m having the same problem. I have checked all of the above, but still getting the same er…
    Simone (GreenSpider - Gra…): Hi Erik, GS Translator accepts only .XYZ files in standard format, so try these checks, as indicated …
    Erik Tremain (GreenSpider - Gra…): Very, Very exciting. I would like to use this tool, but after the file has been imported and I begin…