« Day 100 - Go Bears | Home | "Ambient occlusion" i… »

"Ambient occlusion" in CG

Ovvero come “spolverare” un modello digitale!

Scritto da Silicon_Simon.
Giovedì 12 Luglio 2012, 9:55 pm. Tag usati: , , ,

 

Complice Michele e il suo ponte, ho ripreso in questi giorni a trattare la tematica dell’ambient occlusion e le potenzialità di rappresentazione che questo semplice algoritmo grafico racchiude. In questo scritto vorrei tratteggiare pragmaticamente i concetti dietro l’occlusione ambientale e portare qualche esempio applicativo.

Ambient occlusion

Una tecnica molto interessante, quando ben applicata nei disegni di architettura per evidenziare i pieni e i vuoti, è quella del rendering con la sola ambient occlusion. Per una definizione più ampia del termine rimando alla pagina di Wikipedia, tuttavia per dovere di cronaca basti pensare che si tratta di una tecnica in grado di simulare l’ombreggiamento delle superfici, riproducendo un effetto di occlusione ambientale che simula l'illuminazione globale; se si immagina la luce diffusa che popola una scena (1) gli spigoli più o meno acuti tra i piani geometrici degli oggetti sono quelli meno investiti dal flusso luminoso. In altre parole la luce risente dell’occlusione degli elementi nell’ambiente, da cui il nome della tecnica. L’algoritmo grafico pertanto illumina in maniera differenziale le superfici, tenendo gradualmente in ombra le parti occluse.

Ambient occlusion

L'ambient occlusion permette di evidenziare molto bene i dettagli più minuti.

 

Per capire ancora meglio, si immagini di ricoprire di polvere nera (sarà lo shader) un modellino fisico in plastica bianca (l’ambiente): la luce si comporta come un pennello morbido che spazzola via la polvere nera. Dove le superfici si incontrano le setole fanno più fatica a rimuovere le particelle nere, così gli angoli rimangono “sporchi”.

E’ interessante notare che non c’è una sorgente luminosa univocamente e geometricamente definita, dal momento che il nostro pennello (l’ambient occlusion) tratta omogeneamente tutti i poligoni di un modello. Infatti questo modello di illuminazione prescinde da una luce fisica presente ma fa partire numerosi raggi luminosi dalle superfici: quando i raggi si perdono all’infinito (verso il cielo, questa tecnica viene anche chiamata “sky light” per questo motivo) la superficie di partenza viene schiarita, quando invece incontrano un ostacolo non aggiungono nessuna percentuale di illuminazione (2).

Le applicazioni sono varie ed interessanti: dal compositing finale in Photoshop (il layer di ambient occlusion può essere “moltiplicato” al layer di render convenzionale con i materiali per un migliore senso di profondità), fino al texture baking nei modelli interattivi (3). 

 .

Approfondimenti

Di seguito si riportano i link ad alcune pagine di approfondimento che ho scritto per applicare l'algoritmo di ambient occlusion in tre diversi ambienti molto conosciuti di modellazione 3D.

Ambient occlusion in Autodesk 3D Studio Max 2012

Ambient occlusion in Autodesk Maya 2012

Ambient occlusion in Blender

____________________________________

1 - In questo caso non quella diretta da sorgente a oggetto, bensì la componente di riflessione che si muove rimbalzando tra le superfici.
2 - L’occlusione è matematicamente una funzione di visibilità su una semisfera rispetto ad una proiezione di angolo solido.
3 - Il baking delle texture consiste nell’applicare un draping di immagini raster agli oggetti con tessiture che altro non sono che le porzioni di ambient occlusion pre-calcolate.

 

Nessun commento



(optional field)
(optional field)

In questo sito si attua la moderazione dei commenti. Questo significa che il tuo commento non è visibile finché non viene approvato da un moderatore.

Mantenere le informazioni personali?
Nota: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire collegamenti semplicemente scrivendo un URL o un indirizzo e-mail.

Info

Benvenuti in questo blog che, dal 2005, presenta gli interessi di ricerca e i lavori di sperimentazione digitale di Simone Garagnani in materia di Building Information Modeling, rilievi digitali ad alta risoluzione e computer graphics legata al mondo dell'architettura, dell'ingegneria e delle costruzioni. Il canale personale di divulgazione scientifica di S. Garagnani, TC Project, è presente anche sul social network Facebook.

 

Welcome to these pages that host since 2005 Simone Garagnani's personal blog, focused on Building Information Modeling, terrestrial laser scanning, digital photogrammetry and computer graphics applied to the AEC world. The TC Project, S. Garagnani's personal research unit, is also available on Facebook.


Segui le attività in TC Project: Registrazione
Follow TC Project activities: Registration/login

GreenSpider

GreenSpider

GreenSpider plug-in for Autodesk Revit

Free download here (latest release)

Cerca!

Categorie

  • English (21)
  • Italiano (4)
  • Ingegneria (9)
  • Architettura (13)
  • Design (0)
  • Ricerca e sviluppo (28)
  • Eventi (24)
  • Pubblicazioni (8)
  • Materiali didattici (5)
  • GreenSpider (10)
  • Berkeley (15)
  • Pixar (4)
  • Retrocomputing (3)
  • SGI (5)
  • Keio (3)
  • Serious fun (6)
  • Archivi

    Ultimi commenti

    Walter (Cray-1 - The home…): Could I get a copy of the plans (in English)?
    Simone (GreenSpider - Gra…): Hello Renè, GreenSpider is still a prototype and its development has stopped since the last update la…
    René Scarpa (GreenSpider - Gra…): Hi Simone I’m having the same problem. I have checked all of the above, but still getting the same er…
    Simone (GreenSpider - Gra…): Hi Erik, GS Translator accepts only .XYZ files in standard format, so try these checks, as indicated …
    Erik Tremain (GreenSpider - Gra…): Very, Very exciting. I would like to use this tool, but after the file has been imported and I begin…
    Giuseppe P. (TC Wedding!): Leggo con vero coinvolgimento il tuo pensiero da sentirlo completamente mio. Sei stato in grado di es…